.
Annunci online

Penso a niente e...
post pubblicato in Diario, il 31 maggio 2006

Pensavo a te. Senza un perché, senza il dovere, solo sentire. Mi chiedevo cosa fai. Mi chiedevo come stai. Quando mi faccio domande del genere non mi rispondo, mi piace che l’immagine sfocata rimanga tale, aperta a qualsiasi direzione. Ogni tanto t’immagino, assorta dalla vita, quella che fa di te spugna, quella che fa di te pregna. Ogni tanto immagino di portarti un cesto di fragole, uno di quei cestini piccini, in vimini, con dentro frutti rossi come passione forte e felci verde smeraldo. Perché oggi è così che immagino i tuoi occhi, preziosi, e li incastonerei al me per diventar gioiello.
Quando ho un pensiero libero, ti ci infilo. Così.
Non so chi sei, non so se esisti ma, ogni tanto, penso a te. E mi fa star bene. Anche se poi smetto e, come sei apparsa, svanisci.




permalink | inviato da il 31/5/2006 alle 15:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
Sfoglia aprile        giugno
tag cloud
links
calendario
cerca