.
Annunci online

Post a tema 7 – Remember.
post pubblicato in Parole Metalliche, il 19 settembre 2005

Esiste una canzone particolare? Una canzone che, al solo sentirla, evoca un evento, una persona, un luogo particolari?...

 

Dopo una  breve latitanza (mia) e un periodo di vacanza (della lega) mi ritrovo a poter incidere sul blog parole di intense emozioni musicali.

E’ difficile scegliere una canzone, una sola. Le canzoni che mi regalano brividi sono parecchie e tutte le lego ad un fatto,  un periodo, una persona.

Come tatuaggi sui timpani.

Potrei parlare di “Hallowed be thy name”, pezzo col quale svergino tutti i miei apparecchi che riproducono musica da ormai vent’anni, potrei parlare di “Moonchild”, ricordo di un viaggio spettacolare un quel di Trento quando ancora avevo diciassette anni, potrei parlare di “Helloween” e delle nottate passate in auto ad ascoltarla fumando sigarette e parlando di vita, potrei parlare di “Nothing else matters”, la nostra canzone da sempre, potrei parlare di “Hollow years, la mia canzone da sempre, dei brividi di ogni singolo brano di “The sound of perseverance”, di “Orion” e di Cliff, delle sensazioni forti di “Nessun Dorma di un gods spettacolare, di “Better Unborn” che mi ha accompagnato per mesi alla ricerca di me stesso, insomma, sono davvero troppe.

Il ricordo, la sensazione, l’emozione più forte, però, la legherò per sempre a “This Love” dei Pantera. Era il lontano 1992, ero a Reggio Emilia (o Rigghio, come diceva Bruce Dickinson). Eravamo in mezzo a 30.000 persone, nel pogo generale di una doppia cassa e di riff potenti, ho scattato una foto. Una. In un cerchio di gomitate e salti c’è lui, l’amico, Maurizio. Il viso divertito e gioioso. I pantaloni strappati su anfibi neri, una maglietta scura, senza scritte. E c’era “You keep this love, (thing), love, (child), love, (toy) You keep this love, (fist), love, (scar), love, (break).” Inutile dire che ci siamo persi di vista, il pogo ha portato me a una quarantina di metri verso sinistra, lui verso destra. Poi il treno (per me) e l’auto (per lui). E’ l’ultima  immagine festosa che ho di lui. Poco dopo, un colpo di sonno l’ha portato via e, con lui, una parte di me si è schiantata contro quel camion parcheggiato. L’amicizia non è mai finita. “Quando fanno This Love spacco il mondo, giuro!”. L’hai detto tu.

 

“Never ending pain, quickly ending life”

(This love – Pantera)

 

 




permalink | inviato da il 19/9/2005 alle 12:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
tag cloud
links
calendario
cerca