.
Annunci online

Autostrada.
post pubblicato in Diario, il 20 marzo 2006

Viaggiare di notte, in auto, ha il suo fascino. Ti chiudi dentro te stesso, se hai qualcuno al tuo fianco o sui sedili posteriori, ad un certo punto, crolla. Ancor più bello esser da soli. Radio accesa, strada deserta, qualche luce che ogni tanto appare, ti sfreccia accanto e scompare, facendosi rossa, quasi vergognandosi di aver interrotto quell’idillio fra te, dentro, ed il mondo, fuori. Strada diritta, catrame scuro, notte nella notte. Fari che illuminano solo lo stretto necessario, non c’è bisogno di sapere che hai un paesaggio attorno, che c’è qualcosa oltre te e l’oscurità. Fai duemila pensieri e non ne finisci uno, lasci che la musica, a volume sostenuto, come quello dell’automobile, si impadronisca della tua mente e la porti lontano. Macini chilometri e minuti. Non vedi l’ora di arrivare, senti, pian piano, l’impazienza invaderti lo stomaco ed il basso ventre. Perché fa così. Poi arrivi, le luci della città rompono la magia di stare, finalmente, soli con se stessi. Finisci di parlarti, quasi ti saluti e ti dai appuntamento al prossimo viaggio. Spegni l’autoradio, metti i pensieri nel vano portaoggetti e scendi a sgranchirti le gambe. Sei arrivato.




permalink | inviato da il 20/3/2006 alle 13:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
Sfoglia febbraio        aprile
tag cloud
links
calendario
cerca